Home Page Chi è Esa Contattaci La tua opinione A Proposito di...
Home Page
Chi è ESA
Le Nostre Tariffe
Area dedicata agli operatori di soccorso
L'automobilista ci informa
A Proposito di...
Ultime Novità
Contattaci

 
06/11/2017
Dal 06/11/2017 è in vigore la nuova Tabella Tariffaria ESA
07/03/2016
Dal 4 marzo 2016 le tariffe ESA e i relativi sconti sono stati aggiornati...
 

Ultimo Aggiornamento
06/11/2017
Ultime Novità
Ambiente - Ecoincentivi

ROMA - Dopo due anni, tornano gli ecoincentivi per le due ruote, ma questa volta anche per le biciclette: il ministero dell'Ambiente ha stanziato 15 milioni per svecchiare il parco veicoli circolanti - per il 66 per cento rappresentato ancora dai vecchi euro zero - e ridurre del 40-45 per cento le polveri sottili.

"E da quest'anno - ha sottolineato il ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, presentando l'accordo con il presidente di Confindustria Ancma Guidalberto Guidi - viene incentivato anche l'acquisto di biciclette e veicoli elettrici. E' stata anche prevista la copertura totale delle spese di demolizione anche senza contestuale acquisto di un nuovo mezzo".

Il precedente accordo sugli ecoincentivi - come ha sottolineato il ministro - non prevedeva il contributo all'acquisto per biciclette e veicoli elettrici. Inoltre, i nuovi ecoincentivi prevedono la copertura totale delle spese di demolizione anche senza contestuale acquisto di un nuovo mezzo.

Gli sconti per chi rottama un ciclomotore euro zero o comunque costruito fino a tutto il 2001 variano dal 10 al 30 per cento, a seconda della maggiore prestazione ambientale del mezzo acquistato. Su tutti, sono premiati i veicoli elettrici ai quali sono stati destinati 1,5 milioni di euro del totale. Una quota di 200.000 euro è stata inoltre riservata alla attivazione di un sistema informatico che permetta un monitoraggio efficace dell'iniziativa.

Nel dettaglio, a fronte della demolizione di un ciclomotore euro zero o comunque costruito fino a tutto il 2001 si otterranno i seguenti incentivi: per l'acquisto di una bicicletta è previsto il 30 per cento del prezzo di listino fino ad un massimo di 250 euro; per un motociclo o quadriciclo a trazione elettrica il 30 per cento del prezzo fino a un massimo di mille euro; per un ciclomotore elettrico o una bicicletta a pedalata assistita il 30 per cento del prezzo fino a un massimo di 700 euro; per un ciclomotore euro 2 a 4 tempi o comunque a basso consumo (2,3 litri per 100 km) il 15 per cento del prezzo fino a un massimo di 300 euro; per un ciclomotore euro 2 a 2 tempi l'8 per cento del prezzo fino a un massimo di 150 euro.


Secondo l'Ancma, l'associazione che raduna i principali costruttori delle due ruote, gli incentivi favoriranno l'acquisto di 70.000 nuovi ciclomotori (favorendo un aumento del 20 per cento delle vendite del settore nel 2007) che porteranno all'abbattimento totale in sei anni di 265 tonnellate di particolato, 11.466 tonnellate di idrocarburi e 20.580 tonnellate di monossido di carbonio. Inoltre si otterrà un significativo vantaggio ambientale soprattutto dalle sostituzioni con i veicoli elettrici che permettono una riduzione media dell'inquinamento del 90 per cento rispetto al vecchio euro zero.

Articolo tratto dal sito www.repubblica.it

Data: 11/06/2007


 
Home Page Chi è Esa Contattaci A Proposito di...